fbpx

Sostegno e valorizzazione del patrimonio culturale

La Legge Regionale 28 agosto 1978, n. 58 (Promozione della tutela e dello sviluppo delle attività e dei beni culturali) prevede all’articolo 4 che la Regione Piemonte, nell’esercizio delle proprie funzioni amministrative, svolga in ambito culturale funzioni volte, al sostegno della valorizzazione e della promozione dei musei, del patrimonio e delle attività culturali quali, a titolo esemplificativo e non esaustivo, lo spettacolo, le esposizioni temporanee, i convegni, le celebrazioni storiche, le assegna, i festival e la tutela dei beni librari.

Gli enti locali, gli enti, gli istituti e le associazioni culturali presentano documentate richieste di finanziamento per attività di carattere culturale nel periodo 8 dal 20 febbraio al 20 marzo di ogni anno.

Ambiti

Convegni, seminari, studi, ricerche e iniziative speciali di rilievo regionale

Ente erogatore

Regione Piemonte
Direzione Cultura, Turismo e Sport

Settore Promozione delle Attività Culturali e del Patrimonio Culturale e Linguistico
Via Bertola 34
10122 Torino

referente: Alessandra Santise 
telefono 011.43 22647
fax 011.4322812
e-mail: alessandra.santise@regione.piemonte.it

Soggetti che possono presentare la domanda

Gli enti locali, gli enti, gli istituti e le associazioni culturali.

Obiettivi

Sostenere la valorizzazione e la diffusione delle attività culturali sul territorio regionale che siano volte, tra l’altro a costituire, nuovi modelli organizzativi che,attraverso un partenariato di soggetti pubblici e privati, espressione del territorio di riferimento,siano finalizzati a potenziare le attività culturali e a migliorare la gestione delle risorse.

Criteri di valutazione

QUALITA’ E FUNZIONI DEL PROGETTO: vengono valutati sulla base di elementi quali, a titolo esemplificativo e non esaustivo:

 

  • la rilevanza del progetto determinata da fattori quali: caratteristiche e contenuti del programma, storicità dell’iniziativa, riscontro di fruitori con particolare attenzione al nuovi pubblici;
  • i criteri di inclusione, vale a dire la capacità di coinvolgimento di un numero significativo di stakeholders, il rapporto con il territorio, la diffusione, la valorizzazione e il coinvolgimento di enti e associazioni, la collocazione in territori periferici;
  • l’innovazione determinata dalle caratteristiche di peculiarità, originalità e unicità del progetto e le nuove progettualità volte a stimolare l’impatto sociale e le iniziative artistiche dei giovani;
  • il riconoscimento di nuove realtà in fase di start up che dovranno essere facilitate per l’avvio di iniziative meritevoli.

 

SOSTENIBILITA’ ECONOMICA DEL BILANCIO PREVENTIVO: il sostegno economico regionale contribuisce alla realizzazione del progetto culturale unitamente ad altri apporti di diversa natura quali, a titolo esemplificativo e non esaustivo, le contribuzioni dei privati e delle Fondazioni bancarie, i servizi prestati gratuitamente, il valore economico del volontariato, il coinvolgimento economico di altri enti e il riconoscimento di patrocinio da parte delle istituzioni pubbliche.

MEDIA E COMUNICAZIONE: la valutazione di un’iniziativa culturale sarà anche determinata attraverso gli strumenti di comunicazione e, in particolare, la progettazione e/o l’utilizzo dei new media quali, il sito web, i content e i social network.

Entità contributo

Il contributo riconosciuto non potrà essere superiore al 70% dei costi afferenti l’iniziativa indicati nel bilancio preventivo.

Modalità e procedura

Le richieste di contributo possono essere trasmesse avvalendosi di una delle seguenti modalità:

  • consegna a mano all’indirizzo:

Regione Piemonte
Direzione cultura, turismo e sport, Settore Promozione delle Attività Culturali e del Patrimonio Culturale e Linguistico
via Bertola, 34
10121 Torino 

Le istanze trasmesse con posta ordinaria o raccomandata, oppure consegnate a mano devono essere sottoscritte in maniera autografa e redatte secondo la seguente modulistica:

  1. Modulo UNICO (xls) seguendo le modalità di compilazione del MODULO UNICO;
  2. documentazione integrativa firmata in maniera autografa come indicata più sotto al punto C).

Le istanze trasmesse tramite PEC devono essere firmate digitalmente e redatte secondo la seguente modulistica:

  1. Modulo UNICO (xls) (con firma digitale e trasmesso via PEC seguendo le modalità di compilazione del MODULO UNICO);
  2. documentazione integrativa come indicato al sottostante punto C) in formato PDF o in formato DWG per le sole planimetrie.

Imposta di bollo

Tutte le istanze presentate dai privati devono OBBLIGATORIAMENTE assolvere l’imposta di bollo di euro 16,00 con una delle seguenti modalità:

  • per le istanze trasmesse con posta ordinaria o raccomandata, oppure consegnate a mano deve essere applicata sul modulo UNICO la marca da bollo cartacea, debitamente annullata con l’apposizione della data;
  • per le istanze trasmesse via PEC:
  1. la marca da bollo potrà essere acquistata virtualmente presso l’Agenzia delle entrate http://www.agenziaentrate.gov.it;
  2. la marca da bollo potrà essere acquistata con modalità tradizionali (tabaccheria, ecc.) e in tal caso è possibile anche non applicare la marca all’istanza, ma comunicare alla Regione Piemonte il relativo numero identificativo (seriale) sotto forma di autocertificazione nella quale si dichiara che la marca da bollo in questione non sarà utilizzata per qualsiasi altro adempimento che ne richiede l’apposizione.

C) Documentazione e modulistica integrativa

Le istanze di contributo redatte con l’uso del modulo UNICO devono essere completate dalla seguente documentazione integrativa debitamente sottoscritta (digitalmente o in maniera autografa):

 

  • Descrizione e lettera di trasmissione dei documenti integrativi (doc)
  • Dichiarazione sostitutiva di certificazione e di notorietà (obbligatoria per tutti i richiedenti) (doc)
  • Relazione sull’attività proposta e programma dettagliato; per evitare di tralasciare informazioni importanti al fine della valutazione della richiesta, per la redazione della relazione e del programma si consiglia di seguire le indicazioni fornite nello schema allegato (doc)
  • Bilancio preventivo dell’iniziativa: file in formato word (doc) ; file in formato excel (xls)
  • Copia dell’Atto costitutivo e dello Statuto vigente dell’Ente/Associazione, firmati in calce dal rappresentante legale, dai quali risulti (es. timbro) la registrazione notarile o presso l’Agenzia delle Entrate; nel caso in cui siano già stati forniti per analoga domanda dell’anno precedente e non siano intervenute modificazioni è sufficiente una dichiarazione del legale rappresentante che attesti la mancanza di modificazioni;
  • Fotocopia di un documento di identità in corso di validità del legale rappresentante che firma tutta la documentazione inviata.

 

Scadenza

20 marzo 2014

Aree geografiche coinvolte

Regione Piemonte

Indirizzi utili e sito web

http://www.regione.piemonte.it/cultura/cms/promozione-delle-attivita-culturali/convegni-seminari-workshop.html

Allegati

 

 

Il testo, anche se curato con scrupolosa attenzione, non può comportare specifiche responsabilità per involontari errori in capo al V.S.S.P.

Carattere
Contrasto

Questo sito utilizza cookies per monitorarne l'attività e migliorarne la consultazione. <br>Per avere ulteriori informazioni, consulta la nostra cookie policy

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi