fbpx

Sostegno alle attività a favore delle donne vittime di violenza

La Regione Piemonte ha approvato il bando che stanzia quasi 1 milione di euro per supportare azione di rete coordinate a sostegno delle donne vittime di violenza. Il bando si articola su 6 azioni chiave, grande importanza è data alla cooperazione tra soggetti pubblici e privati al fine di unire le forze per avere un impatto maggiore.

Oggetto

Finanziamenti per il sostegno alle a favore delle donne vittime di violenza nella regione Piemonte.

Ente erogatore

Regione Piemonte
Direzione Coesione Sociale
Via Bertola 34
10121 TORINO
coesionesociale@cert.regione.piemonte.it

Soggetti che possono presentare la domanda

Possono presentare domanda:

  • Comune, singolo o associato;
  • Ente gestore delle funzioni socio-assistenziali
  • Organizzazione di volontariato iscritta all’apposito registro regionale;
  • Associazione di promozione sociale iscritta all’apposito registro regionale;
  • Cooperativa sociale iscritta all’apposito albo regionale;
  • Onlus iscritta all’apposito registro presso l’Agenzia delle Entrate, ai sensi del DPR 460/97.

Ciascuna richiesta di finanziamento deve essere formulata nell’ambito di un protocollo territoriale già sottoscritto o da sottoscriversi entro il 31/01/2015. Ciascun protocollo può dar luogo alla presentazione di una sola richiesta.

Obiettivi

  1. Creare una rete di coordinamento regionale dei Centri Antiviolenza in grado di assicurare su ciascun territorio provinciale tutte le funzioni previste e di avere un collegamento stabile con gli altri servizi territoriali;
  2. sostenere su tutto il territorio regionale la presenza e le attività dei Centri antiviolenza e delle Case rifugio, con particolare riferimento alle attività di ascolto, prima accoglienza, sostegno psicologico e interventi personalizzati per la presa in carico, la protezione e l’avvio di percorsi di autonomia;
  3. favorire l’integrazione tra enti pubblici e organizzazioni del privato sociale;
  4. sostenere la realizzazione di attività di informazione, sensibilizzazione e prevenzione e di attività formative di aggiornamento per gli/le operatori/trici;
  5. promuovere il collegamento d tutti i Centri Antiviolenza con la rete nazionale del numero di pubblica utilità “1522”;
  6. sostenere e potenziare la sperimentazione e diffusione degli interventi per il sostegno e la presa in carico degli autori della violenza;

In applicazione degli indirizzi di cui alla normativa vigente, si ritiene prioritario finanziare le attività e gli interventi a favore delle vittime di violenza e degli eventuali figli, di seguito specificati:

  • accoglienza e ascolto
  • orientamento
  • sostegno psicologico
  • colloqui orientativi in materia legale
  • accoglienza residenziale, anche in situazioni di emergenza
  • percorsi personalizzati di protezione, sostegno ed accompagnamento al recupero dell’autonomia personale e sociale
  • attività finalizzate alla prevenzione ed all’emersione del fenomeno
  • formazione/aggiornamento degli operatori
  • sperimentazione di interventi di presa in carico degli autori della violenza.

Entità contributo

A seconda del numero di abitanti della Provincia di riferimento sono state stabilite le seguenti soglie:

  • sotto 100.000 abitanti à massimo 20.000
  • da 100.001 a 300.000 à massimo 70.000
  • da 300.001 a 600.000 à massimo 100.000
  • oltre 600.000 abitanti  à massimo 125.000

Modalità e procedura

Le domande di contributo devono essere inoltrate entro il 23.12.2014 con una delle seguenti modalità:

  • tramite posta elettronica certificata, indicando nell’oggetto “L. 119/2013 e L.R. 16/2009. Richiesta finanziamenti Centri antiviolneza e Case Rifugio” al seguente indirizzo:

coesionesociale@cert.regione.piemonte.it

  • tramite raccomandata A.R. (in tal caso fa fede il timbro postale) al seguente indirizzo:

Regione Piemonte
Direzione Coesione Sociale
Via Bertola 34
10121 TORINO

La domanda, pena l’inammissibilità, dovrà contenere la seguente documentazione:

  • Istanza di contributo redatta seconda l’Allegato 2
  • Il protocollo di intesa se già sottoscritto, oppure se non ancora sottoscritto la lettera di intenti di ciascun partner
  • Copia delle statuto per i soggetti non pubblici
  • Relazione attestante l’esperienza triennale nel settore di riferimento

Scadenza

23 dicembre 2014

Risorse finanziarie disponibili

997.338 euro

Suddivisi su tutte le provincie del Piemonte in virtù della proporzione della popolazione femminile sopra i 14 anni.

Aree geografiche coinvolte

Regione Piemonte

Indirizzi utili e sito web

http://www.regione.piemonte.it/bandipiemonte/appl/dettaglio_bando_front.php?id_bando=352

Allegati

 

Il testo, anche se curato con scrupolosa attenzione, non può comportare specifiche responsabilità per involontari errori in capo al V.S.S.P.

Carattere
Contrasto

Questo sito utilizza cookies per monitorarne l'attività e migliorarne la consultazione. <br>Per avere ulteriori informazioni, consulta la nostra cookie policy

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi