fbpx

Reti al servizio…della pace

Programma
Reti al servizio… della pace

Ambito territoriale
Il territorio su cui ricade il presente programma è NAZIONALE – REGIONALE – PIÙ PROVINCE O PIÙ CITTÀ METROPOLITANE DELLA STESSA REGIONE.

In particolare la sua ricaduta è sull’intero territorio nazionale, e nello specifico nelle Regioni e Province i cui sono ubicate le sedi degli enti co-programmanti:

  • Regione Abruzzo – province di L’Aquila, Pescara, Chieti e Teramo
  • Regione Lazio
  • Regione Emilia-Romagna
  • Regione Calabria – province di Catanzaro, Crotone e Vibo Valentia
  • Regione Basilicata – province di Matera e Potenza
  • Regione Piemonte – province di Torino, Biella, Cuneo e Vercelli
  • Regione Valle d’Aosta – province di Aosta
  • Regione Lombardia – province di Brescia, Como e Varese

 

Cornice generale ed obiettivi Agenda 2030

Il programma “Reti al servizio…della pace” nasce in risposta ai bisogni educativi evidenziati dagli enti che concorrono alla realizzazione degli obiettivi individuati all’interno del programma.

L’obiettivo condiviso da tutti gli enti che partecipano a questo programma è quello di promuovere una cultura della pace, della partecipazione e del rispetto reciproco per una società inclusiva ed interculturale in cui a prevalere sia il rispetto dei diritti nella loro valenza di universalità e inviolabilità.

Dall’altro lato c’è la necessità di promuovere la conoscenza dei metodi, degli strumenti e i dei principi della partecipazione.

Nel corso del tempo il concetto di partecipazione e cittadinanza attiva ha subito numerosi cambiamenti e assunto diverse accezioni ampliando così il suo spettro di azione. Quando si parla di partecipazione è importante anche raccontare delle storie ed è per questo motivo che si è scelto di avviare un focus di riflessione sui 50 anni dalla legge 772/1972. Una storia di partecipazione e cittadinanza attiva ancora poco conosciuta.

In questo senso il presente programma va nella direzione di raggiungere gli Obiettivi per lo sviluppo sostenibile 2030:

  • Obiettivo 16: Promuovere società pacifiche e più inclusive per uno sviluppo sostenibile; offrire l’accesso alla giustizia per tutti e creare organismi efficienti, responsabili e inclusivi a tutti i livelli
  • Obiettivo 4: Fornire un’educazione di qualità, equa ed inclusiva, e opportunità di apprendimento per tutti
  • Obiettivo 10: Ridurre le disuguaglianze

 

 Occasione di incontro/confronto con i giovani

Con riferimento specifico al programma d’intervento Reti al servizio … della pace con ambito territoriale Nazionale, particolare attenzione andrà posta nell’organizzazione di questo appuntamento, proprio per garantire un confronto ed un incontro tra tutti i giovani operatori volontari impegnati nei progetti cui afferiscono.

Gli enti coprogrammanti insieme agli enti copro gettanti, prevedono di organizzare 2 incontri (diversi dalla formazione) quale occasione di incontro e confronto tra tutti gli operatori volontari di servizio civile impegnati nei singoli progetti che compongono il programma.

Gli incontri intendono creare un’occasione di crescita e conoscenza tra gli operatori volontari del programma, facendo comprendere come il singolo progetto rientri in un più ampio programma di intervento e al tempo stesso rafforzare il senso di appartenenza al Servizio Civile Universale, inteso come strumento di “difesa della Patria”. Sarà l’occasione anche di approfondire il tema alla luce dell’anniversario dei 50 anni dalla legge istitutiva del servizio civile 772/1972. Abbiamo scelto di investire sull’aspetto dell’incontro proprio per la forza con cui i valori dell’investimento sui giovani e della loro attivazione civica risultano intrinsechi all’azione della rete dei Centri di Servizi del Volontariato che, con la sua Associazione Nazionale CSVnet supporta il programma e ospiterà il gruppo in uno dei suoi appuntamenti nazionali. I giovani sono i soggetti di questi incontri che verranno preparati con materiali prodotti localmente dagli operatori volontari sulla qualità e il senso dell’azione svolta e saranno animati a partire da loro proposte.

 

Enti partner del programma

  • CSVNet

 

Valutazione delle competenze acquisite

Durante lo svolgimento del progetto saranno somministrate ai volontari delle specifiche schede che facilitano la rilevazione delle competenze in ingresso ed in uscita al fine di evidenziare in quale misura le competenze dichiarate acquisibili sul progetto sono state effettivamente apprese.

Le varie rilevazioni saranno parte di un documento di sintesi finale (Attestato specifico) che, incorporando anche l’eventuale documentazione prodotta dagli stessi volontari durante il progetto, riporterà gli esiti di ogni progetto e rileverà lo scarto dalle previsioni di partenza.

 

Progetti associati al programma

  1. Un giorno la paura bussò alla porta …
  2. Zenobia, la città che vive i diritti
  3. Giovani in rete: una scommessa per la pace
  4. Togheter win – Percorsi di partecipazione e cittadinanza attiva dei giovani lucani
  5. ImPARIamo ancora – percorsi per una cultura inclusiva (Vol.To)
  6. Un seme … tanti semi … una comunità (Vol.To)
  7. GenerAzioni! – Percorsi di inclusione sociale e cittadinanza attiva nel territorio di Torino (Vol.To)
  8. Facciamo la pace
Carattere
Contrasto

Questo sito utilizza cookies per monitorarne l'attività e migliorarne la consultazione. <br>Per avere ulteriori informazioni, consulta la nostra cookie policy

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi