Ogni singolo corpo è diverso in qualche modo. Abbraccia la tua individualità.

Il body shaming e il fat shaming sono paragonabili al bullismo, sia di persona che online. Questo termine si riferisce all’atto o alla pratica di giudicare negativamente qualcuno in base al suo aspetto fisico. In genere, le persone si vergognano del proprio corpo quando appaiono in sovrappeso o sottopeso o non si adattano alla visione della società che le vuole “magre e belle”. La nostra cultura ama l’ideologia di un corpo perfetto, che si tratti di carta stampata, film, televisione o online, vedere qualcuno che non si adatta ai modelli sociali stamponon è considerato accettabile per alcuni.

Il body shaming è diventato un problema per entrambi i sessi. Le persone prendono le proprie insicurezze e le indirizzano verso altre persone per sentirsi meglio con il proprio corpo. Nessuno sceglie il corpo che ha. Ognuno nasce in quel corpo senza scelta. Finché il proprio corpo è in salute, non dovrebbe importare il giudizio degli altri.

Mentre il body shaming è presente nella società da un po’ di tempo, Internet e le piattaforme di social media come Instagram, Facebook, Twitter e Snapchat lo hanno portato ai massimi storici. Con milioni di utenti che si iscrivono ogni giorno, le piattaforme social aprono la porta a individui e aziende per condividere aspettative irrealistiche di un corpo ideale. La tecnologia ha reso più facile concentrarsi sull’aspetto e ha lasciato il posto a una realtà virtuale che invita più frequentemente al body shaming e al bullismo.

  • Instagram è una delle reti di social media più utilizzate con oltre 200 milioni di utenti al giorno
  • Snapchat ha 161 milioni di utenti al giorno
  • Circa il 65,8% delle aziende statunitensi utilizza Twitter per scopi di marketing

Il “coraggio della tastiera” gioca un ruolo chiave nel fare commenti offensivi e sprezzanti nei confronti degli altri online. È facile far vergognare qualcuno quando si trova dietro uno schermo, facendolo sentire inadeguato. Pubblicare commenti che fanno vergognare il corpo a coloro che conoscono e non conoscono, fa sentire le persone come se non ci fossero ripercussioni per le loro parole.

L’idea che il fat shaming sia accettabile sembra essere in parte costruito sulla premessa che sicuramente incoraggerà una persona a perdere peso. Qualcuno deve fare qualcosa per spaventare queste persone e farle cambiare, anche se solo per il loro bene, giusto? Sbagliato. Il problema con questa linea di ragionamento è che è completamente imperfetta.

L’ascesa dei social media negli ultimi cinque anni ha solo esacerbato il problema del “Body Shaming”. La generazione di oggi non vede nulla di male nell’esprimere la propria opinione. Questo è vero, ma escludere chiunque abbia un fisico diverso da loro non va bene. Internet isola le persone dalle loro vittime anche sui social media, consentendo loro di pubblicare online commenti che non direbbero mai in faccia a una persona. Ad esempio, con l’avvicinarsi delle vacanze, ci sono buone probabilità che mangiare, bere e trascorrere del tempo con la famiglia siano in cima alla lista. Ma a volte questa può essere una combinazione tossica se hai un membro della famiglia che commenta sempre il tuo corpo.

Cos’è un “corpo perfetto”? Le riviste puntano i riflettori sulle ragazze magre e per la maggior parte non considerano le ragazze che non rispecchiano i canoni di bellezza prestabili. Questo per fare un quadro del “corpo perfetto”. Non è realistico. La società ha creato questa immagine che il “corpo perfetto” è un corpo che qualcuno deve avere o è escluso, il che significa che le persone vedono il loro corpo in modo negativo. “Se le persone imparano che tutti sono umani dentro, allora si renderanno conto che sono umani all’esterno e smetteranno di giudicare i corpi degli altri”, ha detto la matricola Tyler T.. Molte bambine iniziano presto a subire queste cattiverie a causa di persone che hanno aperto la bocca senza accendere le loro menti!

Le persone hanno una nozione precisa di “bellezza” che definisce gli standard di colore della pelle, dimensioni del corpo, lunghezza dei capelli o il tipo di vestiti che qualcuno dovrebbe o non dovrebbe indossare. Le persone sono sempre troppo magre, troppo grasse, troppo alte, troppo basse, troppo scure o troppo belle per la società, e questo ha ripercussioni che non si realizzano nella vita di tutti i giorni. “Stiamo commettendo un grosso errore concentrandoci sul peso e sulle dimensioni del corpo come metrica della salute e dell’apporto calorico desiderato”, avverte Catherine “Kate” Bell, psicologa della facoltà della Harvard Medical School. Dato che un bambino “può bere 25 bibite al giorno ed essere magro, un altro bambino può bere solo acqua ed essere più pesante”.

Non dovremmo vergognarci del corpo. Dovremmo motivarci, sostenerci e incoraggiarci a vicenda. Il body shaming è un problema che non verrà risolto a meno che tutti imparino ad accettare il proprio corpo e fino a quando le riviste smetteranno di perpetuare questo mito di un corpo perfetto.

L’Amore di sé è l’unico antidoto per Body Shaming. Basta essere l’unico TU.

“Diamo più spazio a tutti i corpi, diffondi l’amore”.

Amal Abughoush, Serviziocivilista di Vol.To

 

Carattere
Contrasto

Questo sito utilizza cookies per monitorarne l'attività e migliorarne la consultazione. <br>Per avere ulteriori informazioni, consulta la nostra cookie policy

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi