Skip to main content

European Quality Standards in Validation of Learning from Volunteering

Il 23 e 24 gennaio 2023 si sono riuniti a Madrid i delegati delle sette organizzazioni dei sei Paesi dell’UE che partecipano al progetto European Quality Standards in Validation of Learning from Volunteering.

Il progetto mira a definire e promuovere in tutta Europa i primi standard di qualità europei nella validazione dell’apprendimento attraverso esperienze di volontariato.

In questo primo incontro di progetto, i delegati delle sette organizzazioni partner hanno stabilito le linee guida e il piano di lavoro per la definizione degli standard. La pubblicazione della prima versione degli standard di qualità è prevista per maggio 2023. Una volta pubblicati, i partner progettuali organizzeranno una consultazione transnazionale aperta a tutti gli attori coinvolti nel processo di validazione: volontari, organizzazioni di volontariato, istituti di istruzione superiore, fornitori di istruzione e formazione professionale, fornitori di istruzione per adulti, imprese e amministrazioni pubbliche. Lo scopo di questa consultazione è quello di convalidare gli standard di qualità con gli utenti finali e di raccogliere feedback che possano contribuire al miglioramento degli standard.

Inoltre, i partner del progetto produrranno un manuale in sei lingue per facilitare l’adozione in Europa degli standard di qualità europei nella validazione dell’apprendimento attraverso il volontariato.

Il manuale conterrà linee guida e strumenti dettagliati per facilitare  l’implementazione di questi standard di qualità da parte di chiunque sia interessato.

Questo progetto è un’iniziativa della Piattaforma Spagnola del Volontariato (Spagna) in collaborazione con: CESUR (Spagna), Munster Technological University (Irlanda), Centro per il volontariato europeo (Belgio), CSVnet (Italia, in collaborazione con Vol.To – Volontariato Torino ETS), Confederazione portoghese del volontariato (Portogallo) e Psitest (Romania). Il progetto è cofinanziato dal Programma Erasmus+ dell’Unione Europea.