Skip to main content

Tag: infanzia

Istruttoria pubblica per la qualificazione di attività didattiche da inserire nel catalogo “Crescere in Città 2020-2021”

Il catalogo Crescere in Città viene presentato con l’avvio del nuovo anno scolastico e rappresenta l’impegno della Città di Torino ad offrire a tutti i soggetti coinvolti in ambito educativo opportunità di confronto e di crescita .  Le attività presenti in catalogo verranno richieste dalle scuole mediante compilazione e invio di un modulo on-line. L’accoglimento della richiesta verrà comunicato direttamente dal soggetto proponente tramite posta elettronica al richiedente.

ITER – Istituzione Torinese per un’educazione responsabile allo scopo di co-progettare l’offerta educativa insieme ai soggetti del territorio, intende rinnovare ed ampliare le proposte contenute nel Crescere in Città 2019-2020. Il bando è rivolto alle associazioni cittadine e dell’area metropolitana (purché iscritte nel registro delle associazioni della Città). È richiesta un’esperienza professionale in ambito scolastico di almeno un triennio.

Le attività proposte potranno articolarsi su uno o più incontri. L’esperienza degli anni passati ha tuttavia evidenziato come sempre di più le scuole prediligano percorsi brevi, anche di un solo
incontro, in modo tale da avere costi inferiori che non mettano in difficoltà le famiglie. Le attività proposte dovranno collocarsi nell’ambito dei seguenti filoni tematici prioritari:

  • Sostenibilità Ambientale
  • Linguaggi Espressivi
  • Conoscere la Città
  • Competenze e Cittadinanza Digitale
  • Costituzione e Cittadinanza Inclusiva
  • Cultura Ludica

Le attività proposte dovranno essere rivolte ai seguenti target di utenza:

  • fascia 0/6: bambine e bambini dei nidi e delle scuole dell’infanzia
  • bambine e bambini delle scuole primarie
  • ragazze e ragazzi delle scuole secondarie di primo grado
  • educatori, insegnanti ecc. (formazione adulti)

In considerazione delle misure imposte per il contenimento del contagio da Coronavirus, invitiamo le associazioni a immaginare proposte didattiche flessibili, realizzabili anche con diverse modalità di fruizione e che dovranno necessariamente tenere conto dei protocolli di sicurezza vigenti al momento della loro erogazione.
Sarà inoltre necessario che le proposte vengano riformulate in modo da soddisfare comunque criteri di sostenibilità in termini di costi a carico delle scuole.

La domanda di ammissione dovrà pervenire entro il 25 giugno 2020 all’indirizzo di posta elettronica crescereincitta@comune.torino.it

Per approfondire:


Per leggere tutti gli ultimi bandi pubblicati clicca qui.

Lo Sportello di progettazione sociale di Vol.To fornisce il proprio servizio di consulenza a distanza utilizzando gli strumenti a disposizione per comunicare e lavorare in remoto (via telefono, email, WhatsApp, Skype, Google Meet); il servizio è gratuito per gli ETS accreditati che possono richiedere la consulenza telematica utilizzando questo form e contattarci via mail all’indirizzo sociale@volontariato.torino.it

Raccolta di richieste di partenariato per la partecipazione al bando “A braccia aperte” per progetti a favore degli orfani vittime di femminicidio

La Regione Piemonte ha avviato una raccolta di manifestazioni di interesse a presentare richieste di partenariato nell’ambito di “A braccia aperte”, il settimo bando promosso da Impresa Sociale CON I BAMBINI. Si tratta di una iniziativa che si propone di sostenere interventi a favore degli orfani di vittime di crimini domestici e femminicidio, i cosiddetti “orfani speciali”.

Con questa iniziativa, Con i Bambini promuove interventi di presa in carico, formazione e inclusione socio-lavorativa dei minori e dei giovani divenuti orfani a seguito di crimini domestici. Gli interventi sono destinati anche al sostegno delle famiglie affidatarie e dei caregiver e alla creazione o al potenziamento della rete degli attori che, a vario titolo, si occupano di loro.

Il bando stabilisce che possono presentare la candidatura i partenariati costituiti da almeno tre soggetti, che assumeranno un ruolo attivo nella co-progettazione e nella realizzazione dei progetti. Il soggetto responsabile, alla data di pubblicazione dell’iniziativa, deve essere un Ente del Terzo settore, essere stato costituito da almeno tre anni in forma di atto pubblico o di scrittura privata autenticata o registrata ed avere maturato un’esperienza, di almeno 2 anni, in interventi con minori figli di vittime di crimini domestici. Possono appartenere al partenariato, oltre al mondo non profit e della scuola, anche quello delle istituzioni, dei sistemi di istruzione e formazione professionale, dell’università, della ricerca e il mondo delle imprese.

Pertanto, la Regione Piemonte, in considerazione della significativa attività di promozione e sostegno in favore degli orfani di vittime di femminicidio e crimini domestici promossa in questi anni, intende acquisire manifestazioni di interesse da parte dei soggetti che intendano proporsi quali capofila di progetti da candidarsi al bando sopra richiamato, e non comporta alcun diritto a stabilire collaborazioni con la Regione Piemonte.

Le richieste di partenariato, complete di scheda di proposta progettuale, dovranno pervenire entro il 25 maggio 2020 esclusivamente tramite PEC al seguente indirizzo:
famigliaediritti@cert.regione.piemonte.it
La Regione Piemonte comunicherà l’accettazione o meno della richiesta via PEC entro il 5 giugno 2020

Per approfondire:

Per leggere tutti gli ultimi bandi pubblicati clicca qui.

Lo Sportello di progettazione sociale di Vol.To durante l’attuale periodo di contenimento dell’emergenza sanitaria è attivo e fornisce il proprio servizio di consulenza a distanza utilizzando gli strumenti a disposizione per comunicare e lavorare in remoto (via telefono, email, WhatsApp, Skype, Google Meet); il servizio è gratuito per gli ETS accreditati che possono richiedere la consulenza telematica utilizzando questo form e contattarci via mail all’indirizzo sociale@volontariato.torino.it

Proposte di attività didattiche da inserire nel catalogo “Crescere in città 2019 – 2020”

Anche quest’anno ITER – Istituzione Torinese per una Educazione Responsabile  seleziona proposte didattiche presentate da enti terzi per inserirle nel catalogo Crescere in Città. Andranno a completare l’offerta dei percorsi gestiti direttamente dal Comune di Torino attraverso i Centri di Cultura per l’Infanzia e l’Adolescenza, allo scopo di  unire il mondo della scuola e il territorio, favorendo la costruzione di percorsi educativi condivisi e coprogettati.

Possono presentare la propria proposta formativa le associazioni cittadine e non (purché iscritte nel registro delle associazioni della Città) che abbiano svolto per almeno un triennio attività didattiche nelle scuole sui filoni tematici proposti nel bando. Nel caso di proposte provenienti da partenariati, il requisito di esperienza può essere rispettato unicamente dal capofila.

Le attività, rivolte ai nidi d’infanzia ed alle scuole del primo ciclo (scuole dell’infanzia, scuole primarie e/o secondarie di primo grado), dovranno collocarsi all’interno dei seguenti filoni tematici considerati prioritari:

  • Sostenibilità ambientale: attività finalizzate a sviluppare pensieri e comportamenti responsabili.
  • Pensiero creativo: attività che sollecitino l’uso di un pensiero strategico e flessibile, per ricercare soluzioni nuove e alternative e favorire, oltre i linguaggi espressivi, le espressioni culturali.
  • Cittadinanza e Costituzione: attività che permettano un’analisi della Costituzione, per consentire alle nuove generazioni di approfondire i valori fondanti di democrazia, libertà, solidarietà e pluralismo culturale.
  • Conoscere la città: proposte per favorire la scoperta della città di Torino, sia dal punto di vista fisico/territoriale sia dal punto di vista sociale, economico e culturale.
  • Competenze e cittadinanza digitale: attività didattiche finalizzate a reperire e valutare le risorse in rete, a comprendere le trasformazioni tecnologiche in atto e il loro impatto, e focalizzate su cybersecurity, analisi dati e intelligenza artificiale.

Le attività proposte per l’anno scolastico 2019-2020 potranno articolarsi in uno o più incontri, e si dovrà garantire che saranno accolte almeno tre richieste provenienti dalle scuole per ciascuna delle attività.

Gli enti interessati a presentare la propria proposta dovranno compilare la documentazione richiesta (Modulo A) e inviarla entro e non oltre il 10 giugno 2019 all’indirizzo email crescereincitta@comune.torino.it

Per approfondire:

Per leggere tutti gli ultimi bandi pubblicati clicca qui. Per richiedere una consulenza allo Sportello di progettazione sociale (gratuita per gli Enti del Terzo Settore nel rispetto delle modalità stabilite nella carta dei servizi) scrivici una mail a sociale@volontariato.torino.it.

Contributi per progetti su infanzia e adolescenza

La legge 285/97 mira a sviluppare una politica sociale concepita come investimento per lo sviluppo delle persone e delle condizioni di vita attraverso un’ampia gamma di interventi che consenta, principalmente ai Comuni, di favorire sul proprio territorio l’esercizio dei diritti di cittadinanza per le nuove generazioni.

Le Linee Guida Contributi Ordinari per l’anno 2019, deliberate dal Consiglio della Circoscrizione 6 di Torino, stabiliscono l’erogazione di contributi a favore dei minori e delle loro famiglie, finanziati con il fondo Legge 285/97, valorizzando i progetti che prevedano:

  • azioni di sostegno alle famiglia nei compiti educativi e di cura;
  • interventi individuali e di gruppo di doposcuola e di sostegno scolastico e di prevenzione alla dispersione scolastica, anche nel periodo di interruzione scolastica;
  • attività di animazione di strada, per la prevenzione di fenomeni di emarginazione e devianza, di bullismo e cyberbullismo, rivolti prioritariamente a preadolescenti e adolescenti;
  • la promozione della socializzazione tra le famiglie e la creazione di gruppi informali di confronto e di mutuo-aiuto;
  • il confronto e l’integrazione tra modelli educativi e culture differenti;
  • l’offerta ai minori e ai loro genitori di attività di informazione e confronto su tematiche educative e di salute dei figli.

Le Associazioni e/o gli Organismi non profit interessate/i a presentare progetti possono farlo utilizzando la modulistica presente sul sito della Circoscrizione 6 e presentando domanda entro le ore 12.00 di giovedì 16 maggio 2019 all’Ufficio Protocollo della Circoscrizione 6 – via San Benigno, 22, oppure all’indirizzo di posta certificata circoscrizione.VI@cert.comune.torino.it.

Per approfondire:

Per leggere tutti gli ultimi bandi pubblicati clicca qui. Per richiedere una consulenza allo Sportello di progettazione sociale (gratuita per gli Enti del Terzo Settore nel rispetto delle modalità stabilite nella carta dei servizi) scrivici una mail a sociale@volontariato.torino.it.