La nozione di “interesse sociale”: chiarimento importantissimo da parte del Ministero del Lavoro.

È di conoscenza comune il fatto che alcune delle “attività di interesse generale” elencate nell’ art. 5 del Codice del terzo settore (e, si badi bene, lo svolgimento di tali attività è essenziale per potersi qualificare come Ente del Terzo Settore) è subordinata all’interesse sociale delle stesse.

Attività di interesse generale

Le attività di cui alle lettere D, H, I, L del citato articolo 5 non sono di per sé “di interesse generale”, quindi, ma lo diventano allorché abbiano in sé la caratteristica dell’“interesse sociale”.

Sono, cioè, attività di interesse generale:

-(D): attività culturali di interesse sociale con finalità educativa;

(H): la ricerca scientifica di particolare interesse sociale;

(I): l’organizzazione e la gestione di attività culturali, artistiche e ricreative di interesse sociale;

(K): l’organizzazione di attività turistiche di interesse sociale etc.

Tuttavia, la definizione di “quando” si realizzi tale interesse sociale ha rappresentato – fin dalla pubblicazione del codice del terzo settore- un problema piuttosto complesso, che ha spinto numerosi interessati (fra cui le Regioni) a chiedere al Ministero un chiarimento interpretativo.

A sua volta, il Ministero ha investito della questione il Consiglio Nazionale del Terzo Settore che ha prodotto un documento – deliberato all’ unanimità nella seduta del 5 luglio scorso – che il Ministero stesso ha fatto proprio ed ha tradotto in una nota (n. 11379 del 4 agosto 2022) che potrete reperire nella sezione del sito del Ministero che raggruppa le circolari e gli orientamenti espressi sul Codice e sugli Enti del Terzo Settore:

https://www.lavoro.gov.it/temi-e-priorita/Terzo-settore-e-responsabilita-sociale-imprese/focus-on/Riforma-terzo-settore/Pagine/Circolari-orientamenti-ministeriali-Codice-Enti-Terzo-settore.aspx

Un documento corposo che – pur senza essere completamente esaustivo- fornisce una prospettiva comune in grado di assicurare l’uniforme applicazione (su tutto il territorio Nazionale) della normativa.

 

Se sei un Volontario, partecipa anche tu all’indagine “Il termometro del Volontariato”

C.F. 97573530017

Via Giovanni Giolitti 21
10123 Torino
Numero Verde: 800 590 000
Tel. 011 813 87 11
Fax: 011 813 87 77
E-mail: centroservizi@volontariato.torino.it

Iscritta nel Registro Unico Nazionale Terzo Settore atto DD 305/A1419A/2022 del 22/02/2022

Seguici su

Galleria multimediale

Rimani aggiornato

Segui le notizie delle associazioni

Guarda le interviste alle associazioni


© CSV Volontariato Torino. All rights reserved. Powered by Inspire Communication SC.

Torna su
Dimensione caratteri
Versione alto contrasto