fbpx

Erasmus+ Key Action 2 – Partenariati strategici nel settore della gioventù

I Partenariati Strategici offrono l’opportunità alle Organizzazioni attive nei settori dell’istruzione, della formazione e della gioventù, così come alle imprese, agli enti pubblici, alle organizzazioni della società civile operanti in diversi settori socio-economici di cooperare al fine di attuare progetti innovativo che mirino a:

  • sviluppare un insegnamento di alta qualità;
  • migliorare la formazione, i metodi e i processi dell’apprendimento giovanile;
  • incentivare la modernizzazione istituzionale e l’innovazione sociale.

Erasmus + offre una grande flessibilità in termini di attività che i partenariati strategici possono sviluppare, è perciò più che mai necessario che la proposta dimostri che queste attività progettuali sono le più appropriate per raggiungere gli obiettivi specifici definiti nel progetto.

Ente erogatore

European Commission
The Education, Audiovisual and Culture Executive Agency (EACEA)

http://eacea.ec.europa.eu/index_en.php

Ente gestore:

Agenzia nazionale Erasmus+ INDIRE
sede a Firenze e un ufficio distaccato a Roma per Erasmus.

Ambito di competenza: scuola, istruzione superiore, educazione degli adulti

Contatti: erasmusplus@indire.it

Agenzia nazionale Erasmus+ ISFOL, con sede a Roma.
Ambito di competenza: Istruzione e formazione professionale
Contatti: erasmusplus@isfol.it

Agenzia nazionale per i Giovani, con sede a Roma.
Ambito di competenza: Gioventù
Contatti: comunicazione@agenziagiovani.it

Sito unico: www.erasmusplus.it

Soggetti che possono presentare la domanda

Un’organizzazione partecipante può essere qualsiasi organizzazione pubblica o privata, con sede in un paese partecipante al programma o in qualsiasi altro paese partner del mondo (vedere la sezione ” Paesi ammissibili” della parte A della Guida qui allegata) .

Ad esempio , tale organizzazione può essere:

  • un istituto di istruzione superiore;
  • una scuola/istituto/centro educativo (a qualsiasi livello, dalla scuola materna alla scuola secondaria superiore, compresa la formazione professionale e l’educazione degli adulti);
  • una organizzazione non-profit, associazione, ONG;
  • un’impresa piccola, media o grande sia pubblica che privata (comprese le imprese sociali);
  • un ente pubblico a livello locale, regionale o nazionale;
  • un partner sociale o altro rappresentante del mondo del lavoro, comprese le camere di commercio, industria, artigianato/associazioni professionali e sindacati;
  • un istituto di ricerca;
  • una fondazione;
  • un centro di formazione inter- aziendale;
  • imprese che fornisca una formazione comune (formazione collaborativa);
  • un’organizzazione culturale, biblioteca, museo;
  • un corpo di orientamento professionale che fornisce servizi di consulenza e informazione professionale;
  • un corpo di convalida conoscenze, abilità e competenze acquisite attraverso l’apprendimento non formale e informale;
  • una ONG europea della gioventù ;
  • un gruppo di giovani attivi nel lavoro con i giovani, ma non necessariamente nel contesto di un’organizzazione giovanile (gruppo informale di giovani).

Gli Istituti di istruzione superiore (HEIs ) con sede in un Paese del Programma devono essere in possesso del Erasmus Charter for Higher Education ( ECHE ). L’ECHE non è richiesto per la partecipazione istituti di istruzione superiore nei paesi partner, ma essi dovranno aderire comunque ai suoi principi.

Ambito

Educazione degli adulti

Gioventù

Formazione professionale

Obiettivi

Partenariati strategici mirano a sostenere lo sviluppo, il trasferimento e/o l’attuazione di pratiche innovative all’interno dell’organizzazione e a livello regionale , nazionale o europeo al fine di:

  • migliorare la qualità e la pertinenza dell’offerta di apprendimento in materia di istruzione, formazione e lavoro giovanile, sviluppando approcci nuovi e innovativi e supportando la diffusione delle pratiche migliori;
  • favorire l’offerta e la valutazione delle competenze chiave, incluse le competenze di base e le competenze trasversali in particolar modo l’imprenditorialità, le lingue e le competenze digitali;
  • accrescere l’importanza nel mercato del lavoro dell’apprendimento e delle qualifiche e rafforzare i legami tra istruzione, formazione e gli ambiti giovanili con il mondo del lavoro;
  • promuovere l’adozione di pratiche innovative nel settore dell’istruzione, della formazione e della gioventù sostenendo approcci di apprendimento personalizzati, il pensiero critico, l’uso strategico delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione (ICT), le risorse educative aperte (OER), la formazione aperta e flessibile, la mobilità virtuale e altri metodi di apprendimento innovativi;
  • promuovere la cooperazione strutturata interregionale e transfrontaliera: valorizzare l’impegno delle autorità pubbliche locali e regionali per lo sviluppo qualitativo dei campi dell’istruzione, della formazione e della gioventù;
  • migliorare lo sviluppo professionale di coloro che lavorano o sono attivi nei ​​campi dell’educazione, della formazione e della gioventù, innovando e aumentando la qualità e la gamma dell’offerta formativa;
  • migliorare le capacità delle organizzazioni attive nei settori dell’educazione, formazione e gioventù, in particolare rispetto allo sviluppo strategico, alla gestione organizzativa, alle dinamiche di leadership, all’internazionalizzazione, l’equità e l’inclusione con attività qualitative e mirate a gruppi specifici;
  • favorire l’equità e l’inclusione nel campo dell’istruzione, della formazione e della gioventù, per consentire la diffusione di forme di apprendimento volte a tutti, e per evitare l’abbandono scolastico e promuovere la partecipazione di gruppi svantaggiati ai processi sociali;
  • promuovere l’educazione all’imprenditorialità per sviluppare la cittadinanza attiva, l’occupabilità e la creazione di nuove imprese (compresa l’imprenditorialità sociale), sostenendo percorsi di apprendimento e di carriera per gli individui, in linea con il loro sviluppo personale e professionale;
  • incrementare la partecipazione alla formazione per sostenere l’occupabilità attraverso lo sviluppo di prodotti di orientamento professionale di qualità e dei relativi servizi di consulenze di supporto;
  • facilitare la diffusione di strumenti di formazione non formale e dell’uso consapevole degli  strumenti di riferimento europei per il riconoscimento, la convalida e la trasparenza delle competenze e delle qualifiche.

Azioni

Durante il suo ciclo di vita il progetto può realizzare un’ampia gamma di possibilità come per esempio:

  • attività che rafforzano la cooperazione tra le organizzazioni servivano fine di istituire lo scambio di pratiche;
  • attività che promuovono lo sviluppo, la sperimentazione e/o implementazione di pratiche innovative nel settore dell’istruzione, della formazione e della gioventù;
  • attività che facilitino il riconoscimento e la validazione delle conoscenze, delle capacità e delle competenze acquisite attraverso l’apprendimento formale, non formale e informale;.
  • attività di cooperazione tra le amministrazioni a regionale promuovono lo sviluppo dei sistemi di istruzione, formazione e gioventù e della loro integrazione nelle azioni di sviluppo locale e regionale;
  • iniziative transnazionali che favoriscono imprenditoriali schemi mentali e competenze, per favorire l’imprenditorialità e la cittadinanza attiva (compresa l’imprenditorialità sociale).

Priorità

In linea con il programma di lavoro annuale adottato dalla Commissione, sarà data priorità ai partenariati strategici che mirano a:

  • favorire la valutazione delle competenze trasversali e promuovere l’adozione di esperienze imprenditoriali concrete in materia di istruzione, formazione e lavoro dei giovani;
  • promuovere lo sviluppo professionale del personale e dei giovani lavoratori nelle metodologie ICT e sostenere la produzione e l’adozione di OER in diverse lingue europee;
  • facilitare la convalida dell’apprendimento non formale e informale e la sua permeabilità con percorsi educativi formali;
  • perseguire una o più delle priorità descritte nella sezione “Istruzione e Formazione” capitoli introduttivi e “Gioventù” nella parte B della Guida.

Struttura dalla partnership

Un partenariato strategico è transnazionale e coinvolge almeno tre organizzazioni provenienti da tre diverse organizzazioni partecipanti Programma paesi. Tutti devono essere identificati al momento della domanda di sovvenzione.

Durata progetti

Partnership nel settore giovanile: tra i 6 mesi e 2 anni.

Altri tipi di partenariati: 2 o 3 anni.

La durata deve essere scelta in fase di presentazione della candidatura, basata sull’obiettivo del progetto e sul tipo di attività previste nello svolgimento.

In casi eccezionali, la durata di un partenariato strategico può essere prorogato, su richiesta del beneficiario e con l’accordo dell’Agenzia Nazionale, fino a 6 mesi a condizione che la durata complessiva non superi i tre anni. In tal caso, il contributo totale non cambierà.

Entità contributo

Non più di 150.000,00 euro per progetto per anno.

Modalità e procedura

Alla Agenzia Nazionale del paese in cui ha sede l’organizzazione richiedente.

Per scadenza, lo stesso consorzio di partner può presentare una sola domanda e una sola Agenzia Nazionale.

I formulari sono disponibili sul sito del programma all’indirizzo: www.erasmusplus.it

Scadenza

Partnership nel settore della gioventù

  • 30 aprile 2014 alle ore 12 (ora di Bruxelles) per i progetti che iniziano tra il 1 settembre 2014 e il 28 febbraio 2015;
  • 1° ottobre 2014 alle 12:00 (ora di Bruxelles) per i progetti che iniziano tra il 1 febbraio 2015 e il 30 settembre 2015.

Altre partnership

  • 30 aprile 2014 alle ore 12 (mezzogiorno ora di Bruxelles) per i progetti che iniziano a decorrere dal  1° settembre 2014.

Indirizzi utili e sito web

http://www.erasmusplus.it/

Allegati

Guida generale

Estratto riguardante il bando

 

Il testo, anche se curato con scrupolosa attenzione, non può comportare specifiche responsabilità per involontari errori in capo al V.S.S.P.

Carattere
Contrasto

Questo sito utilizza cookies per monitorarne l'attività e migliorarne la consultazione. <br>Per avere ulteriori informazioni, consulta la nostra cookie policy

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi