fbpx

ERASMUS+ KEY ACTION 1 – Progetti di mobilità per i giovani e gli operatori del lavoro giovanile

Questa sotto azione è rivolta ai giovani e a chi opera nei settori connessi alla gioventù. L’azione si sviluppa su due macro ambiti, il primo (a) riguarda la mobilità dei giovani (scambi giovanili e Servizio Volontario Europeo) e il secondo (b) si focalizza sulla formazione degli operatori del settore giovanile (Formazione degli operatori giovanili e creazione di network).

a)    MOBILITA’ PER I GIOVANI

Scambi giovanili

Gli Scambi Giovanili permettono a gruppi di giovani di paesi diversi di incontrarsi e vivere insieme per un massimo di 21 giorni. Durante uno Scambio Giovanile, i partecipanti svolgono insieme un programma di lavoro (un mix di seminari, esercitazioni, dibattiti, giochi di ruolo, simulazioni, attività all’aria aperta, ecc.) progettato e preparato da loro nella fase di progettazione. Scambi giovanili permettono ai giovani di:

 

  • sviluppare competenze;
  • diventare consapevoli di argomenti/aree tematiche socialmente rilevanti;
  • scoprire nuove culture, abitudini e stili di vita , soprattutto attraverso peer- learning (apprendimento tra pari;
  • rafforzare valori come la solidarietà, la democrazia, l’amicizia, ecc.

 

Il processo di apprendimento negli Scambi Giovanili viene si serve di metodologie di educazione non formale. Gli Scambi Giovanili sono basati su una cooperazione transnazionale tra due o più organizzazioni provenienti da diversi paesi all’interno e all’esterno dell’Unione europea.

Le seguenti attività non sono ammissibili a sovvenzione nell’ambito dell’azione Scambi Giovanili: viaggi di studio universitari, attività di scambio a scopo di profitto finanziario, attività di scambio che possono essere considerati come il turismo, festival, vacanze, tournée.

Durata mobilità: da 5 a 21 giorni

Partecipanti: giovani tra i 13 e i 30 anni proveniente dalle organizzazioni partecipanti.

Servizio Volontario Europeo

Questa attività permette ai giovani di età compresa tra 17-30 di esprimere il loro impegno personale con un servizio volontariato a tempo pieno per un massimo di 12 mesi in un altro paese all’interno o all’esterno dell’Unione europea. I giovani volontari hanno l’opportunità di contribuire al lavoro quotidiano delle organizzazioni che si occupano di informazione e politiche per i giovani, sviluppo personale e socio-educativo dei giovani, impegno civile, assistenza sociale, inclusione di persone svantaggiate, ambiente, programmi di educazione non formale, nuove tecnologie e alfabetizzazione mediatica, cultura e creatività, cooperazione allo sviluppo, ecc.

Un progetto EVS (European Voluntary Service) può includere tra 1 e 30 volontari che possono svolgere il loro servizio volontario individualmente o in gruppo.

Durata mobilità: da 2 a 12 mesi.

Partecipanti: giovani tra i 17 e i 30 anni che non abbiano mai partecipato al Servizio Volontari Europeo.

NB: per presentare un progetto di Servizio Civile Europeo è necessario aver portato a termine il percorso di accreditamento.

b)    MOBILITA’ PER GLI OPERATORI GIOVANILI

Formazione degli operatori giovanili e creazione di network

Questa attività sostiene lo sviluppo professionale degli operatori giovanili in forma di

  1. partecipazione degli operatori giovanili a seminari, corsi di formazione, eventi di contatto, visite di studio;
  2. un periodo di job shadowing/osservazione all’estero in un’organizzazione attiva nel settore della gioventù.

Durata mobilità: da 2 giorni a 2 mesi

Partecipanti: fino a 50 persone

Ente erogatore

Ente erogatore dei fondi:

Commissione europea

Ente gestore:

AGENZIA NAZIONALE PER I GIOVANI
Via Sabotino, 4 – 00195 Roma
centralino: 06.37591201
http://www.agenziagiovani.it/home.aspx

Soggetti che possono presentare la domanda

Un’organizzazione partecipante può essere:

  • una organizzazione non-profit, associazione, ONG;
  • una ONG europea della gioventù;
  • un’impresa sociale;
  • un ente pubblico a livello locale;
  • un gruppo di giovani attivi nel lavoro con i giovani, ma non necessariamente nel contesto di un’organizzazione giovanile (gruppo informale di giovani).

ma anche:

  • un ente pubblico a livello regionale o nazionale;
  • un’associazione di regioni;
  • un gruppo europeo di cooperazione territoriale;
  • un ente profit attivo nello sviluppo della Responsabilità Sociale d’Impresa.

I progetti di mobilità sono transnazionali e devono coinvolge almeno due organizzazioni partecipanti (organizzazione di invio e ospitante) provenienti da diversi paesi.

Entità contributo

A seconda della sottoazione e del progetto. Sono comunque previsti dei finanziamenti per:

  • spese di viaggio
  • costi di gestione
  • pocket-money

Per maggiori informazioni consultare la guida allegata

Modalità e procedura

Le domande devono essere presentate all’Agenzia Nazionale dell’organizzazione capofila.

Scadenza

I progetti devono presentati entro le seguenti date:

1 ° ottobre alle 12:00 (mezzogiorno ora di Bruxelles) per i progetti che iniziano tra 1° gennaio e il 30 settembre dell’anno successivo.

Indirizzi utili e sito web

Sito Europeo del programma

http://ec.europa.eu/programmes/erasmus-plus/index_en.htm

Agenzia Nazionale

http://www.agenziagiovani.it/contattipec.aspx

Allegati


Il testo, anche se curato con scrupolosa attenzione, non può comportare specifiche responsabilità per involontari errori in capo al V.S.S.P.

Carattere
Contrasto

Questo sito utilizza cookies per monitorarne l'attività e migliorarne la consultazione. <br>Per avere ulteriori informazioni, consulta la nostra cookie policy

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi