fbpx

FUNDER35

Il presente bando è frutto di un’iniziativa nata nel 2012 nell’ambito della Commissione per le Attività e i Beni Culturali dell’Acri (Associazione di Fondazioni e Casse di Risparmio Italiane) e giunta al suo secondo triennio.

Ente erogatore

FUNDER35 è promosso oggi da 18 fondazioni: Fondazione Cariplo, capofila del progetto, Compagnia di San Paolo, Ente Cassa di Risparmio di Firenze, Fondazione di Sardegna, Fondazione Cariverona, Fondazione Cassa di Risparmio di Ascoli Piceno, Fondazione Cassa di Risparmio di Cuneo, Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca, Fondazione Cassa di Risparmio di Modena, Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo, Fondazione Cassa di Risparmio di Parma, Fondazione Cassa di Risparmio della Spezia, Fondazione Cassa di Risparmio di Torino, Fondazione Cassa di Risparmio di Udine e Pordenone, Fondazione CON IL SUD, Fondazione Livorno, Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna, Fondazione Sicilia.

Soggetti che possono presentare la domanda

Il bando annuale Funder35 è rivolto alle organizzazioni culturali senza scopo di lucro (imprese sociali, cooperative sociali, associazioni culturali, fondazioni, ecc), composte in prevalenza da under 35 e impegnate principalmente nell’ambito della produzione artistica/creativa in tutte le sue forme, da quelle tradizionali a quelle di ultima generazione o nell’ambito dei servizi di supporto alla conoscenza, alla valorizzazione, alla tutela, alla protezione, alla circolazione dei beni e delle attività culturali.
Si rivolge alle organizzazioni non profit (imprese sociali, cooperative sociali, associazioni culturali, fondazioni, ecc), di natura privata attive da almeno 2 anni alla data di pubblicazione del bando (2 maggio 2016) e impegnate principalmente in uno dei seguenti campi:

  1. l’ambito della produzione artistica/creativa in tutte le sue forme, da quelle tradizionali a quelle di ultima generazione;
  2. l’ambito dei servizi di supporto alla conoscenza, alla valorizzazione, alla tutela, alla conservazione, alla circolazione dei beni e delle attività culturali.

Il bando è riservato unicamente alle organizzazioni che, alla data di pubblicazione del bando (2 maggio 2016), soddisfino uno o entrambi i seguenti requisiti:
Organo di Gestione (Consiglio di Amministrazione o Consiglio/Comitato Direttivo, composto solitamente da Presidente, Vicepresidente, Segretario, Tesoriere e Consiglieri) costituito in maggioranza assoluta (50% più uno) da membri di età inferiore ai 35 anni;
cariche principali (Presidenza e Vicepresidenza) in seno all’Organo di Gestione (Consiglio di Amministrazione o Consiglio/Comitato Direttivo) ricoperte da membri di età inferiore ai 35 anni.

Funder35 è destinato a organizzazioni senza fini di lucro, nei cui statuti sia presente una regolamentazione che, nel suo complesso:
a) vieti la distribuzione, diretta e indiretta, di utili, avanzi di gestione, fondi e riserve in favore di amministratori, soci, partecipanti, lavoratori o collaboratori;
b) disponga la destinazione di utili e avanzi di gestione allo svolgimento dell’attività statutaria o all’incremento del patrimonio;
c) preveda la destinazione dell’eventuale attivo risultante dalla liquidazione a fini di pubblica utilità o ad altre organizzazioni prive di scopo di lucro.

In ogni caso, si ritiene che non perseguano finalità di lucro e che siano quindi ammissibili anche in assenza delle clausole precedenti:

  • le organizzazioni iscritte ai registri regionali del volontariato;
  • le organizzazioni iscritte ai registri delle associazioni di promozione sociale;
  • le organizzazioni iscritte all’albo nazionale delle ONG;
  • le organizzazioni iscritte al registro delle ONLUS.

In base alla normativa di riferimento, sono inoltre ammissibili al bando:

  • le cooperative che operano nel settore dello spettacolo; 
  • le cooperative sociali;
  •  le imprese sociali iscritte all’apposita sezione del registro delle imprese.

Non possono essere concessi, e se approvati non possono essere erogati, contributi per la realizzazione di progetti che, seppure presentati da enti formalmente ammissibili in base ai requisiti di cui sopra, risultino riconducibili a soggetti non finanziabili.

Sono in ogni caso esclusi dal contributo:

  • gli enti e le organizzazioni non formalmente costituiti con atto regolarmente registrato;
  •  i partiti politici;
  • le organizzazioni sindacali o di patronato;
  •  le associazioni di categoria;
  •  i soggetti che svolgono propaganda politica direttamente o indirettamente per influenzare il procedimento legislativo e le campagne elettorali;
  • i soggetti che mirano a limitare la libertà e la dignità dei cittadini o a promuovere ogni forma di discriminazione;
  •  le persone fisiche;
  • gli enti pubblici;
  • le istituzioni private ma qualificabili come organismi di diritto pubblico;
  • gli enti ecclesiastici/religiosi;
  • gli enti di formazione, anche se di natura privata (università, scuole di ogni ordine e grado, centri di formazione);
  • gli enti nel cui Statuto (all’interno dell’Oggetto sociale) non compaia come finalità principale la produzione e/o la gestione di attività e/o beni e/o servizi artistico-culturali (l’impegno prevalente dell’organizzazione nei settori sopra indicati potrà essere desunto dalla concentrazione del volume delle attività svolte nell’ultimo triennio; in questo caso sarà sufficiente che la produzione e/o gestione di attività e/o beni e/o servizi artistico-culturali siano contemplate tra le finalità indicate dallo Statuto pur se sprovviste del carattere di prevalenza);
  • gli enti beneficiari (in qualità di singoli proponenti o capofila di un partenariato) di un contributo nell’ambito di precedenti edizioni del bando FUNDER35. Tali enti sono ammissibili al contributo unicamente nel ruolo di partner all’interno di un partenariato e a condizione che il precedente contributo sia stato rendicontato a saldo alla data del 2 maggio 2016;
  • le organizzazioni che presentino (in qualità di singoli proponenti o capofila di un partenariato) più di una proposta progettuale nell’ambito della medesima edizione del bando FUNDER35.

Obiettivi

FUNDER35 intende selezionare, attraverso il bando, e accompagnare nel loro percorso verso la sostenibilità, per un periodo massimo di tre anni, le migliori imprese giovanili che operano in campo culturale. Pertanto, il contributo si configura come un incentivo destinato a un numero limitato di soggetti che, oltre a distinguersi per la qualità dell’offerta culturale, nonché per una corretta politica del lavoro, si prefiggano chiari obiettivi di sviluppo sostenibile tramite specifici progetti di miglioramento.

Progetti finanziabili e azioni

Sono considerati ammissibili al presente bando unicamente progetti finalizzati a rendere sostenibili nel tempo le imprese proponenti e le loro attività attraverso:

  • azioni mirate al miglioramento/ripensamento della struttura organizzativa (come ad esempio nuovi modelli operativi e strumenti gestionali, iniziative di qualificazione del personale non artistico e dei servizi interni di supporto tramite percorsi di formazione e innesto di competenze manageriali);
  • azioni finalizzate al rinnovamento, anche attraverso l’uso di tecnologie innovative, dei processi e degli strumenti di produzione (funzionali al rafforzamento, all’estensione, alla differenziazione dell’offerta);
  • azioni finalizzate all’introduzione sul mercato di prodotti o servizi di carattere innovativo, in grado di favorire il posizionamento strategico dell’organizzazione;
  • azioni orientate all’attivazione di collaborazioni stabili e aggregazioni/fusioni con altri soggetti del settore nella prospettiva di realizzare economie di scopo e/o di scala
    Per essere ammesse alla valutazione, le proposte devono inoltre soddisfare i seguenti requisiti:
  • previsione di avvio delle attività in data successiva al 31 dicembre 2016;
  • durata al massimo triennale del progetto;
  • formulazione di una richiesta complessiva di contributo non superiore al 75% dei costi totali del progetto. In ogni caso, l’entità del contributo richiesto dovrà essere equilibrata e proporzionata sia al tipo di progetto proposto, sia alla dimensione economico-finanziaria dell’organizzazione proponente.
    Non sono considerati ammissibili progetti che prevedano interventi strutturali relativi agli ambienti architettonici in cui hanno sede gli enti richiedenti o in cui si realizzano le attività. dell’organizzazione proponente.
    Può essere presentato un intervento realizzato congiuntamente da un soggetto “capofila” e da una o più organizzazioni “partner”.
    Ai fini della partecipazione al bando, vengono riportati i requisiti necessari per il capofila e per ciascun partner di progetto e si illustrano le modalità per la formalizzazione del cosiddetto “accordo di partenariato”, che disciplina i rapporti tra capofila e partner di progetto. (cfr. art. n. 3.2 http://funder35.it/files/2015/04/FUNDER35_Bando-20161.pdf )

Entità contributo

Relativamente all’ammontare della richiesta economica, non è prevista una soglia massima; per riferimenti agli ordini di grandezza sin qui seguiti, si consiglia di prendere visione dell’elenco dei contributi assegnati nell’ambito delle precedenti edizioni del bando del progetto FUNDER35 al link: www.funder35.it
Nell’ambito dei budget dei progetti sono ritenuti ammissibili costi artistici e/o di produzione artistica e culturale nella misura massima del 25% dei costi complessivi dell’intervento unicamente se:

  • orientati a precise strategie di rinnovamento/diversificazione/differenziazione dell’offerta;
  • relativi a collaborazioni ritenute particolarmente “strategiche” dai partner di progetto nell’ambito di forme di partenariato stabile o aggregazione tra più soggetti del settore.

Modalità e procedura

Per presentare un progetto è necessario:
a) collegarsi al sito www.funder35.it e accedere all’area dedicata al nuovo bando;
b) registrarsi, secondo la procedura illustrata (a meno che non si disponga già di uno username e di una password validi);
c) compilare integralmente l’Anagrafica organizzazione, corredandola di tutti gli allegati richiesti (a tale proposito si veda il successivo paragrafo “I documenti necessari”).

Ogni organizzazione ha a disposizione un solo “account” per l’area riservata: in caso di smarrimento di username o password, si suggerisce di contattare il servizio Help Desk, scrivendo a helpdesk@fondazionecariplo.it.
Una volta effettuato l’accesso secondo le modalità precedentemente illustrate e compilata/aggiornata l’Anagrafica organizzazione, è necessario:
d) inserire un nuovo progetto, selezionando, nella tendina, il bando FUNDER35 e compilando integralmente il Modulo progetto (Progetto, Piano economico e Dati complementari) corredandolo di tutti gli allegati richiesti (a tale proposito si veda il successivo paragrafo 3.1 “I documenti necessari”).
e) inviare il Modulo progetto esclusivamente online.
Ai fini della partecipazione al bando, l’organizzazione proponente deve allegare in formato elettronico alla modulistica online integralmente compilata i documenti obbligatori segnalati di seguito:

DOCUMENTI SULL’ORGANIZZAZIONE (da allegare online all’Anagrafica organizzazione):
• Atto costitutivo regolarmente registrato;
• statuto vigente regolarmente registrato ;
• bilanci consuntivi approvati degli ultimi due esercizi con nota integrativa e relazione sulla gestione (1) ;
• bilancio preventivo approvato dell’esercizio corrente (2).

DOCUMENTI SUL PROGETTO (da allegare on line al Modulo progetto):
• Lettera accompagnatoria (3) a firma del Rappresentante legale;
• piano di progetto (comprensivo di budget) elaborato utilizzando l’apposito modello disponibile on line (4);
• provvedimento di nomina dell’Organo Amministratore (Verbale di nomina dei membri dell’Organo di Gestione);
• accordo di partenariato stipulato tra il capofila e il/i partner di progetto (5).

DOCUMENTI PARTNER (da allegare on line al Modulo progetto per i progetti in partenariato):
• Lettera accompagnatoria a firma del Rappresentante legale (3);
• atto costitutivo regolarmente registrato;
• Statuto vigente regolarmente registrato;
• Bilanci consuntivi approvati degli ultimi due esercizi con nota integrativa e relazione sulla gestione (1);
• Bilancio preventivo approvato dell’esercizio corrente (2).

Saranno prese in esame esclusivamente le proposte progettuali elaborate mediante il modello “Piano di progetto”, mentre non verranno ritenuti ammissibili i progetti scritti e presentati in forma libera.
Inoltre, prima dell’invio della documentazione richiesta, è bene controllare che vi sia perfetta coerenza, da un lato, tra le dichiarazioni inserite in via informale nel documento “Piano di progetto” e quelle contenute nei documenti ufficiali allegati (Atto Costitutivo, Statuto, Provvedimento di nomina dell’Organo Amministratore, ecc.), e, dall’altro, dei documenti ufficiali tra di loro. Infatti, in caso di presenza delle suddette incoerenze, i progetti proposti non saranno ritenuti ammissibili.

Scadenza

01/07/2016

Risorse finanziarie disponibili

Il budget disponibile ammonta a 2.650.000 euro

Aree geografiche coinvolte

Le regioni Basilicata, Calabria, Campania, Lombardia, Molise, Piemonte, Puglia, Sardegna, Sicilia, Valle d’Aosta.
Le province di Bologna, Modena, Parma e Ravenna in Emilia Romagna, Pordenone e Udine in Friuli-Venezia Giulia, le province della Spezia e di Genova in Liguria, le province di Ascoli Piceno e Ancona nelle Marche, di Firenze, Livorno e Lucca in Toscana, le province di Belluno, Padova, Rovigo, Verona e Vicenza in Veneto.

 

Indirizzi utili e sito web

www.funder35.it
comunicazione@funder35.it

Allegati
http://funder35.it/files/2015/04/FUNDER35_Bando-20161.pdf

LOCANDINA

Il testo, anche se curato con scrupolosa attenzione, non può comportare specifiche responsabilità per involontari errori in capo a Vol.To
Carattere
Contrasto

Questo sito utilizza cookies per monitorarne l'attività e migliorarne la consultazione. <br>Per avere ulteriori informazioni, consulta la nostra cookie policy

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi